Le Discipline Bio Naturali a confronto con le istituzioni

Carissimi presidenti,

interpretando la volontà di molte delle nostre Associazioni, che si stanno facendo portavoce presso la Regione Lombardia della richiesta di poter includere la categoria professionale degli Operatori delle D.B.N. nel numero delle categorie destinatarie di misure di sostegno regionali, ho incontrato il Presidente del Consiglio Regionale della Lombardia, Avv. Alessandro Fermi.

Nel lungo colloquio, avvenuto martedì 2, abbiamo avuto occasione di affrontare varie tematiche di rilievo relative alla nostra attività e, soprattutto, l’assenza della nostra categoria professionale tra quelle annoverate della misura “Sì Lombardia”.

Una delle possibili ragioni di questa lacuna sembra essere stata la difficoltà di identificare la categoria degli Operatori del settore Vitalistico univocamente, in quanto il Codice ATECO al quale facciamo riferimento, il 96.09.09 “altre attività di servizi alla persona” non classificate altrimenti, che ci accomuna a una miriade di altre e diverse attività professionali.

In quella occasione ho fatto notare che la regione Lombardia si è dotata, però, di alcune facili modalità per identificare gli Operatori del settore ai quali concedere un sostegno, avendo promulgato la Legge regionale 2 del 2005 che la dota di un Comitato Tecnico Scientifico delle Discipline Bio Naturali, avendo edito un Catalogo dell’Offerta Formativa delle Discipline Bio Naturali, che identifica il piano formativo minimo di 29 Discipline Bio Naturali e avendo adottato nel suo Quadro Regionale Degli Standard Professionali, nella Sezione Profili Professionali e Competenze Indipendenti, il Profilo di svariate Discipline Bio Naturali.

Il Presidente Fermi mi ha chiesto di dettagliare una breve relazione scritta che possa aiutare i membri del Consiglio Regionale ad individuare l’identità e le necessità degli Operatori rappresentati nel C.T.S. delle D.B.N., cosa che ho inviato alla sua attenzione il giorno 3 novembre.

La sua risposta è arrivata il giorno successivo, tramite la sua segreteria, ed è la seguente:

Buongiorno dott. Calabrese,

la ringrazio per il pro memoria molto chiaro che ci ha girato.

Ieri la Giunta ha varato un ulteriore provvedimento “SI Lombardia” che, purtroppo, non annovera ancora tra i beneficiari gli operatori del settore da Lei rappresentato. Le assicuro comunque che il Presidente Fermi si farà senz’altro parte attiva nei prossimi giorni con il Presidente Fontana e gli altri rappresentanti di Giunta affinché si possa trovare nei prossimi provvedimenti la modalità più opportuna per far sentire la vicinanza di Regione Lombardia ad una categoria come la vostra che merita la giusta attenzione.

Sarà mia cura tenerla informata in merito.

Resto fiducioso nella possibilità di ottenere risultati a favore di tutti noi e vi confermo che l’impressione ricevuta dalla riunione è stata di grande attenzione nei confronti del nostro settore, anche in conseguenza del, più volte citato nel colloquio, convegno on line, che ha contato oltre 4.000 visualizzazioni, nel quale il Presidente è stato nostro gradito Ospite.

In attesa di ulteriori comunicazioni, Vi saluto cordialmente.

Antonello Calabrese
Presidente del C.T.S. delle D.B.N della Regione Lombardia

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: