LA VIA DEL RISPETTO: GENERAZIONI OLTRE LA PARITÀ

Mappa non disponibile

Data / Ora
Date(s) - 15/01/2018
Tutto il giorno

Categorie No Categorie


Un pubblico numeroso ed attento, sfidando l’orario e le condizioni meteo inclementi, si è ritrovato lunedì 15 gennaio alle ore 18:30 presso la Fondazione Ambrosianeum di Milano per partecipare al convegno
“LA VIA DEL RISPETTO: GENERAZIONI OLTRE LA PARITÀ”

Dopo i saluti di benvenuto a cura di “Idee per cambiare” l’Intervento di Francesco ALBERONI (sociologo) intervistato da Sabina NEGRI, (giornalista) ha avviato una profonda riflessione sullo scenario sociologico. Ed ha evidenziato la necessità di conoscere le differenze, sé stesse/i ed il gruppo perché nella nostra cultura la discriminazione tra Uomo e Donna è una realtà radicata ancora molto profondamente, cosi come le differenze razziali e culturali. E come accade quando si lavora per un cambiamento culturale, è necessario partire dall’educazione delle nuove generazioni per risolvere strutturalmente il problema. Avviare percorsi formativi idonei ad accompagnare studenti e studentesse verso la conoscenza di se stessi, aumenta il livello di consapevolezza della propria corporeità, facilita il rispettarsi fra di loro e aiuta a prevenire ogni forma di violenza.
Il Tema che è stato approfondito dalla Tavola Rotonda condotta da Paolo FOSCHINI (giornalista del Corriere della Sera) che ha intervistato: Ruben RAZZANTE (docente Università Cattolica e giornalista de Il Giorno); Federica ZANELLA (Presidente CORECOM Lombardia)
; Alessandro AQUILIO (Country Communication Manager IKEA); Lorella CARIMALI (Candidata al Global Teacher Prize – il Nobel dell’insegnamento); Pierfrancesco FODDE (Docente Liceo V.Veneto).
Dalla narrazione delle loro esperienze è emersa la necessità di andare oltre il concetto di parità, da intendere non come punto di arrivo, ma come punto di partenza dal quale poter sviluppare nuovi modelli di comunicazione volti al superamento degli stereotipi che consentano una maggior conoscenza del genere umano, nel pieno rispetto della diversità. È necessario superare il concetto classico, di tipo quantitativo e competitivo (parità come un risultato) per giungere ad una concezione più ampia di tipo qualitativo che promuova la cooperazione e la collaborazione inclusiva, oltre che il dialogo tra i generi.
Al termine, è seguita la presentazione del Progetto La via del rispetto a cura di: Stefania BARTOCCETTI (Telefono Donna); Teresa SINTONI (Parsifal YOGA ACCADEMY ssd); Franco SAMMACICCIA (NUOVI SPAZI AL SERVIRE O.N.G.).
Il progetto intende attivare percorsi rivolti agli studenti (sotto forma di laboratori), che avranno come scopo quello di promuovere una cultura del rispetto e di combattere la “legge del branco”, attraverso il contributo di psicologhe del Centro Antiviolenza “Telefono Donna”. Questi interventi sono particolarmente efficaci nelle Scuole Secondarie di Secondo Grado quando gli stereotipi di genere si stanno radicando tra ragazzi e ragazze e costituiscono terreno fertile per una visione iniqua e distorta dei rapporti tra generi, ma esistono ancora spazi di permeabilità ai concetti di libertà, di espressione e di comportamento liberi da qualunque pregiudizio.
A questi percorsi parteciperanno anche i volontari della O.N.G. Nuovi Spazi al Servire per illustrare le modalità di intervento (sul tema specifico) nelle missioni operative nei Paesi in via di Sviluppo e sulle famiglie di immigrati che provengono da quei Paesi.
Il percorso, più prettamente psicologico e cognitivo, sarà integrato con un laboratorio di Yoga Integrale, in collaborazione con i docenti di educazione fisica. Il lavoro sul corpo e sul respiro dello Yoga integrale, attraverso insegnanti qualificati di Parsifal Yoga Academy ssd, offrirà ai ragazzi un’esperienza di ascolto e conoscenza di sé a partire dal corpo, perché il rispetto diventi non solo una corretta indicazione comportamentale, ma nasca dall’interno come necessità di rispetto di se stessi, della propria persona nella sua interezza di corpo, mente, emozioni e spirito, attraverso un processo di auto riconoscimento e valorizzazione di sé. Questo intervento sarà il primo di una serie che vedrà impegnati anche gli specialisti in quelle Discipline Bio Naturali che sono rappresentate all’interno del Comitato Tecnico Scientifico delle Discipline Bio Naturali della Regione Lombardia. Una best practice nel settore attiva grazie alla Legge Regionale 2/2005.
Al termine del percorso l’esperienza sarà “raccontata” anche in un convegno conclusivo nel mese di Giugno 2018 dal titolo “PraticaMENTE Rispetto” nel corso del quale saranno presentati gli audiovisivi realizzati dagli studenti.
Una sintesi di tutti gli interventi è racchiusa nelle esortazioni di Francesco Alberoni: “…Noi siamo costruttori di Società che lavorano per salvare le Persone; dobbiamo tornare ad interrogarci sul perché delle cose,non chiedersi solo il come ma domandarsi il perché accadono. Voi dovete crescere nelle vostre comunità mobilitando i Cuori e gli intelletti; Non abbiate paura di essere i leader di questa rinascita culturale e morale.”
Esortazioni queste che da sempre trovano piena applicazione nei modelli operativi della ONG Nuovi Spazi al Servire sin dalla sua fondazione nel 1984.

PARTNER DI PROGETTO:
1 Telefono Donna Onlus
2 Nuovi Spazi al Servire ONG, Istituto per la Cooperazione con i Paesi in via di sviluppo
3 Parsifal Yoga Accademy
4 C.I.R.A.H (Centro Internazionale Ricerche per l’autosufficienza di Persone con disabilità)
5 Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto di MIlano
6 Liceo Statale Salvatore Quasimodo di Milano
7 Istituto Istruzione Superiore Statale Marignoni – Polo di Milano
8 Liceo Scientifico Statale Donato Bramante di Magenta
9 Istituto Scolastico Caterina da Siena di Magenta

Autore: Franco Sammaciccia